Content Marketing: Ottimizzare un articolo per il Web

Blog-Image-002

Ottimizzare un articolo per il web è un’attività complessa e delicata che non termina al momento della pubblicazione online. L’ottimizzazione di un articolo può avvenire anche in un secondo momento, per verificare in maniera precisa l’andamento e la risposta di utenti e motori di ricerca e cercare di migliorare le performance utilizzando gli strumenti di scrittura online.

Ottimizzare un articolo per il web non è solo posizionarsi su Google

Il parametro principale da rispettare per scrivere un articolo da posizionare sui motori di ricerca è quello della qualità, senza trascurare ovviamente l’importanza e l’autorevolezza del sito che ospita il contenuto.

Pertinenza e autorevolezza sono due tra i principali fattori di ranking (ne abbiamo trattato anche parlando dell’importanza dei link), e per motivi molto semplici:

  • Le parole chiave sono uno dei modi in cui il motore di ricerca determina la pertinenza di un contenuto rispetto al search intent.
  • Lo scopo di Google è di fornire a chi effettua una ricerca il risultato che possa rispondere al meglio alle proprie esigenze.
  • L’autorevolezza di un sito assume un peso decisivo, un conto è che un articolo sia firmato da un sito presente in rete da vari anni e altro che invece sia ospitato da un piccolo sito appena nato.

Scrivere sia per gli utenti che per i motori di ricerca

I Copywriter devono essere in grado di scrivere sia riuscendo a intercettare le esigenze dei lettori (a cui si devono fornire notizie utili e interessanti), sia quelle dei Crawler dei motori di ricerca, a cui deve arrivare il messaggio che il contenuto prodotto è migliore di quello della concorrenza e dunque merita un posizionamento migliore nei risultati.

Fino a qualche anno fa, si riempivano gli articoli di Keyword o frasi accuratamente selezionate con livelli adeguati di volume di ricerca e traffico, ma oggi si è compreso che Google sa riconoscere la “qualità” dei contenuti, scritti con l’idea di risolvere le esigenze dei lettori piuttosto che, di posizionarsi meglio.

migliorare posizionamento Google

Come si ottimizza un articolo per il web?

Quando parliamo di Copywriting, quindi, facciamo riferimento all’ arte di scrivere sul Web, che combina la capacità di scrivere in modo tale da attrarre lettori e, contemporaneamente, trovare il gradimento dei motori di ricerca, per aiutare il sito a posizionarsi meglio in SERP.

Includere le Keyword in maniera naturale

Il primo consiglio è di concentrarti a includere le keyword in modo naturale nell’articolo: il risultato migliore per un contenuto di qualità è che i lettori non si accorgono dell’ottimizzazione per Google e, allo stesso tempo, il motore di ricerca, valuta positivamente le tecniche utilizzate.

Questo significa scrivere in maniera interessante, riuscendo a includere la Keyword principale nella prima frase senza forzature.

I consigli per la Scrittura sul Web

Quando parlo di intercettare le esigenze dei lettori intendo dire che ci sono tipologie di contenuti differenti per raggiungere obiettivi ben precisi. Dando per scontato che non siano stati commessi errori nelle fasi precedenti:

  1. Realizzazione di una keyword research
  2. Scelta ottimale di titolo e heading
  3. Meta description inserita ecc

Gli aspetti che in genere sono più trascurati o che risultano comunque più problematici sono tre, ovvero selezione delle parole chiave, collegamenti esterni ed interni della pagina e scelta dei contenuti più pertinenti sia per i nostri obiettivi di Business che per le esigenze degli utenti.

Tipi di contenuto principali.

  • Informativi
  • Emozionali
  • Promozionali
  • Sociali

I contenuti informativi

I contenuti informativi risolvono un problema del potenziale cliente (che ha a che fare con ciò che vendiamo)

Per esempio un contenuto informativo potrebbe essere “Come indicizzare un sito web su Google”

Una caratteristica principale dei contenuti informativi è che risolvono un problema di un nostro potenziale cliente

Il contenuto informativo è quel tipo di contenuto che fa appello al lato razionale del cliente. Hai un problema? Ecco la soluzione.

I contenuti emozionali

I contenuti emozionali toccano il lato emotivo, creando ed evidenziando i valori dell’azienda.

Al contrario dei contenuti informativi, non sono autoreferenziali, e anzichè toccare il lato razionale del cliente toccano il suo lato emotivo.

Fanno parte dei contenuti emozionali tutti i contenuti utilizzati nello Storytelling, cioè che raccontare storie dove i clienti possano reinmedesimarsi.

Per esempio un contenuto informativo potrebbe essere “Hai paura che il tuo sito web sia penalizzato da Google?”

I contenuti promozionali

I contenuti promozionali sono contenuti autoreferenziali e cioè dei contenuti che invitano all’acquisto del prodotto.

Per esempio una pagina che illustra le caratteristiche di un prodotto, che invita all’acquisto del prodotto stesso, una Landing Page dedicata a un servizio ecc.

I contenuti per i Social Network

I contenuti che gli utenti producono parlando della nostra azienda.

Sono prodotti esterni alla nostra sfera d’azione. Possono essere recensioni, commenti, feedback ecc